HomeSocietaIraq, impunità per le violenze contro le persone LGBT: uccisioni, rapimenti, torture,...

Iraq, impunità per le violenze contro le persone LGBT: uccisioni, rapimenti, torture, abusi sessuali delle forze armate

BAGHDAD – Gruppi armati in Iraq rapiscono, stuprano, torturano e uccidono impunemente persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT). Lo afferma un nuovo rapporto di Human Rights Watch (Hrw) in un rapporto pubblicato oggi con IraQueer, un’ONG irachena con sede in Svezia, che sostiene i diritti LGBT in Iraq, fondata nel 2015 e impegnata sul fronte dell’istruzione, del patrocinio e dei servizi diretti, spesso nel mirino delle violenze da parte della polizia.

Il rapporto: “Tutti mi vogliono morto”. Il rapporto di 86 pagine, “‘Tutti mi vogliono morto’: uccisioni, rapimenti, torture e violenze sessuali contro le persone LGBT da parte di gruppi armati in Iraq”, documenta casi di tentato omicidio di persone LGBT da parte di gruppi armati principalmente all’interno delle Forze di mobilitazione popolare (PMF), che sono nominalmente sotto l’autorità del primo ministro. Human Rights Watch ha anche documentato casi di rapimenti, esecuzioni extragiudiziali, violenze sessuali e attacchi online a persone LGBT da parte della polizia e dei gruppi armati. Il governo iracheno è responsabile della protezione dei diritti delle persone LGBT alla vita e alla sicurezza, ma non è riuscito a ritenere responsabili i responsabili delle violenze, ha rilevato sempre Hrw. “Gli iracheni LGBT vivono nella costante paura di essere braccati e uccisi dai gruppi armati impunemente – dice Rasha Younes, ricercatrice sui diritti LGBT di Hrw – così come l’arresto e la violenza da parte della polizia irachena, rendendo le loro vite invivibili. Il governo iracheno – ha concluso – non ha fatto nulla per fermare la violenza o ritenere responsabili gli aggressori”.

Le 54 interviste indiciviali e alle organizzazioni. Human Rights Watch e IraQueer hanno intervistato 54 iracheni LGBT che hanno subito violenze da parte di gruppi armati e polizia. sono stati ascoltati anche rappresentanti di nove organizzazioni per i diritti umani e agenzie internazionali, e sette rappresentanti di missioni straniere in Iraq e difensori dei diritti LGBT. Gli intervistati avevano subito abusi a Baghdad e in altre città dell’Iraq e nella regione del Kurdistan. Hrw ha anche esaminato la documentazione online degli attacchi contro le persone LGBT, inclusi video, immagini e minacce digitali.

Mancano sistemi di denuncia affidabili. I gruppi hanno scoperto che la capacità e la volontà delle persone LGBT di denunciare gli abusi che affrontano alla polizia o di presentare denunce contro gli agenti delle forze dell’ordine sono ostacolate da una combinazione di clausole di “moralità” vagamente definite nel codice penale iracheno e dall’assenza di sistemi di denuncia affidabili e di una legislazione che li protegga dalla discriminazione. Ciò ha creato un ambiente in cui gli attori governativi armati, compresa la polizia, possono abusare impunemente delle persone LGBT, hanno scoperto i gruppi.

I racconti di transgendere e gay. Una donna transgender irachena di 31 anni ha detto che stava tornando a casa dal lavoro nel febbraio 2021 quando sei uomini in un Hummer con finestre oscurate l’hanno fermata vicino a una discarica a Baghdad. Hanno tirato fuori una lama di rasoio e un cacciavite e mi hanno colpito e tagliato dappertutto, specialmente il mio, il cavallo e le cosce, ha detto a Human Rights Watch e IraQueer. “Mi hanno affettato e versato circa cinque litri di benzina su tutto il corpo e sul viso e mi hanno dato fuoco”. Un uomo gay di 27 anni di Baghdad ha descritto come il suo ragazzo sia stato torturato da quattro membri di un gruppo armato di fronte a lui nel maggio 2020. “Poi gli hanno sparato cinque volte”, ha detto.

Presi di mira anche ragazzini di 15 anni. In otto casi, gli abusi da parte di gruppi armati e polizia, tra cui arresti arbitrari e molestie sessuali, sono stati contro bambini di 15 anni. Molti degli attaccati sono stati in grado di identificare il gruppo armato responsabile. I gruppi implicati negli abusi più gravi sono Asa’ib Ahl al-Haqq, Atabat Mobilization, Badr Organization, Kata’ib Hezbollah, Raba Allah Group e Saraya al-Salam. Le persone intervistate hanno descritto arresti e violenze di routine da parte di funzionari della sicurezza, che li aggrediscono verbalmente e fisicamente, e li arrestano e li detengono arbitrariamente, spesso senza una base legale. 

Abusi sui detenuti e il reato di “pubblica indecenza”. Le persone LGBT hanno denunciato abusi durante la detenzione, tra cui la negazione di cibo e acqua, o il diritto di contattare un avvocato o familiari o ottenere cure mediche. Hanno detto che la polizia li ha aggrediti sessualmente e li ha abusati fisicamente e li ha costretti a firmare impegni affermando che non erano stati abusati. Nel giugno 2021, la polizia della regione del Kurdistan iracheno (KRI) ha emesso mandati di arresto basati sull’articolo 401 del codice penale che criminalizza la “pubblica indecenza” contro 11 attivisti per i diritti LGBT che sono attuali o ex dipendenti dell’Organizzazione Rasan, un gruppo per i diritti umani con sede a Sulaymaniyah (leggi il reportage di Mondo Solidale da Sulymanyah nel Kurdistan iracheno). A partire da marzo 2022, il caso è rimasto aperto in attesa di indagini, anche se le autorità non avevano arrestato gli attivisti.

Chiusi in una stanza senza cibo e acqua. La maggior parte degli intervistati ha anche dichiarato di aver subito violenze estreme almeno una volta da parte di parenti maschi per il loro orientamento sessuale o identità ed espressione di genere. Tale violenza includeva l’essere chiusi in una stanza per lunghi periodi; essere negati cibo e acqua; essere bruciati, picchiati,  violentati, sottoposti a scosse elettriche, attaccati sotto la minaccia delle armi e sottoposti a pratiche di conversione e terapia ormonale forzata; essere sottoposti a matrimoni forzati; ed essere costretti a lavorare per lunghe ore senza compenso.

Ciò che dovrebbero fare i Paesi stranieri. “L’Iraq dovrebbe introdurre e applicare una legislazione antidiscriminazione, anche sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere”, si legge nel rapporto di Hrw. I paesi che forniscono assistenza militare, di sicurezza e di intelligence all’Iraq – compresi gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Germania e la Francia – “dovrebbero esortare le autorità irachene a indagare sulle accuse di abusi da parte di gruppi armati e sul ruolo della propria assistenza in queste presunte violazioni – esorta anche il documento diffuso – questi Paes, insomma,i dovrebbero sospendere l’assistenza militare, di sicurezza e di intelligence alle unità coinvolte in queste violazioni e spiegare pubblicamente qualsiasi sospensione o fine di tale assistenza.

Il capitolo a parte del rapporto con le donne. Sempre in Iraq, secondo altre organizzazioni umanitarie in difesa dei riritti umani, le azioni illegali contro le donne sono drammaticamaente aumentate nel 2021: sono state 148.236, rispetto alle 115.063 del 2020: un incremento davvero impressionante, come sottolinea l’articolo di un giornale pubblicato dal Consiglio Supremo della magistratura iracheno e rilanciato dalla giornalista irachena Zuhair al Jezairy a sua volta riportato da Internazionale. Nella maggior parte dei casi, si tratta di divorzi, con diverse motivazioni – si legge nell’articolo – le più frequenti sono i matrimoni precoci e la condivisione dell’abitazione con la famiglia del marito. Nel 2020 le cause per ottenere la possibilità di risposarsi erano state 5.710, e sono salite a 7.022 nel 2021.

Il quadro politico-istituzionale nel quale succede tutto ciò. L’Iraq ha iniziato ques’anno cimentandosi con fatica per formare il nuovo governo, dopo le elezioni del 10 ottobre 2021. Ci sono stati mesi di contestazioni sui risultati elettorali, ma poi il 27 dicembre scorsofinalmente  la Corte suprema federale irachena ha reso ufficiali i risultati della consultazione. La nuova Assemblea dei rappresentanti abbia vuto la sua prima seduta il 9 gennaio scorso, il percorso per la formazione del nuovo governo appare assai impervio e lungo. Si scommette che possa durare “molti mesi” ancora. Ancora più complicatosarà poi la formazione del nuovo gabinetto di governo. Sullo sfondo c’è però l’urgenza di riforme economiche, una nuova campagna vaccinale, senza contare l’ancora ingombrante presenza dell’esercito statunitense.

La geografia politica dopo le elezioni. Dalle urne dell’ottobre 2021 è di nuovo uscito un quadro politico parcellizzato che di sicuro non renderà facile e veloce la formazione del governo. La geografia dei blocchi di potere rimane comunque formata da quattro schieramenti: il movimento sadrista, guidato dal capo sciita Moqtada al-Sadr, che resta la prima forza in Parlamento; l’altro grande blocco è il “Quadro di coordinamento” delle forze sciite, animato da partiti sciiti in opposizione di al-Sadr. Ci sono poi altri partiti, come la coalizione sunnita Takaddum, guidata dal ri-eletto presidente del parlamento iracheno, Mohamed al-Halbousi e il Partito democratico curdo (Kdp) di Masoud Barzani. Nel complesso, le forze più direttamente legate all’Iran sembrano aver diminuito numericamente la loro presenza in Parlamento. Che sia affidabile o no il risultato emerso, è comunque un fatto che il risultato elettorale ha finora provocato grandi proteste di piazza e oltre 1400 ricorsi all’Alta Commissione elettorale indipendente, che comunque sono stati finora in massima parte respinti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Napoli
cielo sereno
28.6 ° C
30.6 °
25.9 °
64 %
1kmh
0 %
Ven
29 °
Sab
27 °
Dom
29 °
Lun
30 °
Mar
26 °

Più popolare

Commenti recenti